Politiche delle risorse umane per le piccole imprese

Non è raro che una piccola impresa manchi di un dipartimento o di un personale specializzato. Tuttavia, i proprietari di piccole imprese dovrebbero ancora educare se stessi sui regolamenti statali e statali sull'occupazione che si applicano ai datori di lavoro e adottano politiche in materia di risorse umane. Le politiche delle risorse umane sono intrinsecamente legate alle leggi sul lavoro imposte dai consigli di stato federali e statali.

Identificazione

L'Enciclopedia delle piccole imprese definisce le politiche delle risorse umane come linee guida e regolamenti formali che le imprese implementano per assumere, formare, valutare e compensare i dipendenti. Le politiche delle risorse umane chiaramente definite aiutano a prevenire equivoci sul datore di lavoro e sul ruolo e diritti dei dipendenti sul posto di lavoro. Se si verifica una controversia legale tra il datore di lavoro e il dipendente, il datore di lavoro si trova in una situazione di svantaggio se non dispone di una solida politica in materia di risorse umane.

Inclusione

La politica delle risorse umane di una piccola impresa dovrebbe delineare quanto segue: classificazioni dei dipendenti, quali non esenti o esenti; pari opportunità di lavoro; giorni feriali; paga le date e i giorni di paga; anticipi sugli stipendi; pagare gli straordinari; periodi di pausa e pasti; detrazioni del libro paga, incluse le detrazioni statutarie e volontarie; norme di sicurezza e salute; benefici marginali, come vacanze, vacanze e tempo malato e personale; valutazioni delle prestazioni e aumenti salariali; e terminazioni. La politica delle risorse umane può includere anche altre questioni, come i regolamenti di cartellini; utilizzo di risorse aziendali, quali Internet e telefono; molestie sessuali; test antidroga; codice di abbigliamento; I benefici di COBRA al termine; denunce, contestazioni; e parcheggio.

Benefici

Le politiche delle risorse umane correttamente stabilite e mantenute possono essere vantaggiose sia per il datore di lavoro che per il dipendente. Una politica ben scritta ed equa può ridurre le minacce legali da dipendenti attuali ed ex dipendenti; fornire indicazioni ai supervisori e ai dirigenti durante l'assunzione, la formazione, la promozione e il risarcimento dei subordinati; e serve come strumento di comunicazione ai dipendenti per quanto riguarda le aspettative e il comportamento lavorativo.

modifiche

Man mano che la società cambia o cresce, potrebbe essere necessario stabilire nuove norme in materia di risorse umane. Un proprietario di una piccola azienda deve esaminare attentamente i dettagli di una modifica prima di crearla. Ha bisogno di esaminare il suo effetto complessivo sul business, dipendenti e clienti. Ad esempio, il normale orario lavorativo va dalle 8.00 alle 17.00, dal lunedì al venerdì. Se un dipendente richiede di lavorare dal lunedì al giovedì, il datore di lavoro deve considerare il motivo della richiesta, se altri dipendenti avranno le stesse aspettative e in che modo inciderà sulla produttività e sui clienti. La modifica della politica delle risorse umane dovrebbe essere ampiamente distribuita, quindi tutti i dipendenti ne sono a conoscenza.

considerazioni

Le politiche sulle risorse umane dovrebbero essere conformi alle leggi federali sulla conservazione dei dati. Il datore di lavoro deve tenere registri del personale per ciascun dipendente, compresa la domanda di lavoro e curriculum vitae, le valutazioni delle prestazioni, le variazioni salariali o salariali, i trasferimenti e le azioni disciplinari. Inoltre, è importante tenere in archivio le richieste di ferie o ferie, i registri medici e relativi ai salari, le azioni legali e i moduli di immigrazione (I-9).

Raccomandato

Come realizzare un semicerchio in Illustrator
2019
Come implementare le 4 P del marketing in sanità
2019
Come inserire un documento formattato in un file di Word
2019