Perché la pubblicità crolla in una recessione?

Durante periodi di congiuntura difficili, gli inserzionisti spesso tagliano la pubblicità perché è un costo discrezionale che possono tagliare continuando a produrre e vendere i loro prodotti mentre i profitti sono in calo. Tuttavia, il taglio della pubblicità spesso porta a una diminuzione delle vendite che mette ulteriormente in pericolo un'azienda. Capire come valutare il tuo marketing durante una recessione ti aiuterà a massimizzare i tuoi guadagni pubblicitari mentre affronti il ​​duro lavoro.

Pubblicità

Alcuni proprietari di attività commerciali raggruppano tutte le comunicazioni e le promozioni di marketing con il termine "pubblicità". Ciò potrebbe includere promozioni in negozio, coupon, sconti, campionamento gratuito, stampa, trasmissione e annunci TV e direct mail. La definizione formale di pubblicità si concentra sull'utilizzo dei media altrui per inviare un messaggio controllato a un pubblico di destinazione. Secondo questa definizione, un affare buy-one-get-one-free è una promozione, mentre uno spot radio di 30 secondi è pubblicitario.

Meno entrate e entrate disponibili

Durante una recessione, i consumatori e le imprese hanno meno entrate e entrate, il che significa che hanno meno soldi da spendere. Quando i consumatori perdono il lavoro o subiscono tagli salariali, spendono di meno. Quando le aziende hanno un basso livello di vendite, devono ridurre i costi. L'overhead, in particolare il marketing, è uno dei primi posti in cui cercano di ridurre le spese. Fai attenzione a non tagliare l'unica cosa che potrebbe essere in grado di salvare la tua attività durante una recessione: pubblicità più aggressiva.

Meno acquisti

In alcuni casi, un'azienda potrebbe determinare che i suoi clienti non compreranno a prescindere dagli sforzi di marketing intrapresi dall'azienda. Anche se l'azienda offre forti sconti, sconti più grandi, un servizio clienti migliore o altri incentivi, i clienti semplicemente non hanno i soldi da spendere. In questo caso, un'azienda non sprecherà dollari pubblicitari cercando di convincere i clienti che non hanno soldi per fare acquisti. La società potrebbe non solo sospendere le attività di marketing ma anche sospendere temporaneamente le parti o tutta la sua attività.

Riduzione dei costi

Quando i tuoi clienti vedono una diminuzione del reddito personale o delle entrate aziendali, li costringe a tagliare le loro spese. Questo significa che hanno meno da spendere con te. Se hai meno entrate, devi trovare i modi per ridurre la produzione e le spese generali, con il marketing spesso la prima area che esaminerai. Poiché gran parte del tuo business ripetitivo arriva senza bisogno di fare pubblicità, potresti sentire che la nuova attività incrementale che ottieni dalla pubblicità non giustifica il suo costo quando stai danneggiando per denaro. Prima di tagliare qualsiasi spesa di marketing, esaminare da dove pensi che la tua attività provenga, quale rendimento ottieni da ogni attività di marketing e quanta pubblicità puoi permetterti di tagliare senza diminuire le vendite fino al punto che il risparmio pubblicitario comporta una perdita eccessiva di i saldi.

Alternative più economiche

Quando i budget di marketing sono stretti, le aziende cercano alternative gratuite o a basso costo alla pubblicità a pagamento. Ciò potrebbe includere più vendite telefoniche o visite di vendita personali, un maggiore uso dei social media, promozioni in-store, come vendite, sconti o bundling e maggiori sforzi di pubbliche relazioni. Mentre le aziende usano queste tattiche per tutto l'anno, diventano le uniche opzioni di marketing accessibili di alcune società durante una recessione.

Raccomandato

Idee pubblicitarie per panifici
2019
Come fare un calcolatore di opzioni con Microsoft Excel
2019
Elementi chiave di un quadro strategico
2019