È necessaria una licenza per avviare una boutique?

Avviare una boutique, se si prevede di vendere abbigliamento, accessori per animali domestici o gioielli, può essere un'impresa eccitante e redditizia, ma ci sono diversi documenti che i proprietari di boutique devono avere. Anche se non esiste una licenza specifica per possedere una boutique, molti aspetti della gestione di uno, come la riscossione delle imposte, la scelta di un nome commerciale e l'acquisto di inventario, spesso richiedono un permesso da parte della città, della contea o dello stato.

Nomi presunti

La maggior parte delle boutique, a prescindere che si tratti di una ditta individuale, di una società o di una partnership, necessiteranno di un certificato di nome presunto, noto anche come licenza "fare business as", DBA o permesso di nome fittizio. Questa licenza commerciale è generalmente poco costosa ed è richiesta per i proprietari di boutique che hanno un nome commerciale diverso dal loro nome legale. Ad esempio, supponi che il tuo nome sia Vivian Duncan. Se chiami la tua boutique di maternità "Vivian's Boutique", non avresti bisogno di un DBA. Tuttavia, se hai chiamato il negozio "The Mom and Baby Shoppe", avresti bisogno di un certificato di nome presunto.

Permesso di rivendita

Un permesso di rivendita consente a un imprenditore di acquistare all'ingrosso la merce e rivenderla ai consumatori. I permessi di rivendita sono anche comunemente usati per stabilire conti all'ingrosso con i fornitori, che richiedono la prova di essere in attività prima che tu possa fare un acquisto. Non tutte le aree richiedono che i titolari delle aziende ottengano un permesso di rivendita, quindi è necessario verificare presso il proprio centro di sviluppo aziendale o Small Business Administration locale per vedere quali sono le leggi in cui si trova la propria boutique.

Tasse di vendita e uso

Negli stati che raccolgono le imposte sulle vendite, i proprietari di boutique devono assicurarsi di registrare un permesso. I proprietari di boutique di tutti gli stati, ad eccezione dell'Alaska, del Delaware, del Montana, del New Hampshire e dell'Oregon, devono riscuotere le imposte statali sulle vendite. È importante notare che alcune aree dell'Alaska richiedono la riscossione delle tasse locali.

Verrai sicuramente multato se non riuscirai a riscuotere e rimettere le tasse nel tuo stato o contea, e la tua attività potrà anche essere chiusa. L'ottenimento di un permesso di imposta sulle vendite e l'uso viene generalmente effettuato a livello statale. Ad esempio, un proprietario di una boutique di accessori che installa un negozio a Houston, in Texas, avrebbe bisogno di ottenere un permesso fiscale per le vendite e l'uso da parte del controllore statale del Texas. Questa documentazione aziendale richiesta è in genere gratuita e molti stati hanno reso conveniente per i titolari di attività commerciali la registrazione della propria autorizzazione online.

Le leggi fiscali si applicano alle boutique commerciali e online e devi riscuotere le tasse negli stati in cui hai una presenza fisica. Ad esempio, se la tua boutique di scarpe Internet di Austin, in Texas, ha spedito un pacco ad Abilene, in Texas, dovrai riscuotere l'imposta sulle vendite. Se hai ricevuto un ordine da Miami, non dovrai riscuotere le imposte sulle vendite perché la tua attività commerciale non si trova nello stato della Florida.

Numero di identificazione fiscale federale

Il numero di identificazione fiscale federale viene comunemente indicato come EIN o numero di identificazione del datore di lavoro. Ne avrai bisogno se la tua boutique ha dipendenti, è una società o una partnership. La registrazione di un EIN può essere effettuata gratuitamente sul sito web ufficiale dell'IRS, IRS.gov. Non c'è assolutamente bisogno di avere questa licenza commerciale se è necessario averne uno, soprattutto se si hanno dipendenti; ci sono pesanti sanzioni per i proprietari di imprese che scelgono di non pagare correttamente le tasse di lavoro.

Requisiti locali

A seconda di dove si trova la tua boutique, potresti aver bisogno di alcune licenze e permessi, compresi quelli relativi alla zonizzazione e alla segnaletica. Ovviamente, nulla di tutto questo si applica alle boutique online, in quanto tali aziende non avrebbero alcuna utilità per un edificio commerciale o cartelli di negozi. Prima di affittare uno spazio per la tua boutique, assicurati di verificare se la posizione è suddivisa in zone per uso commerciale, altrimenti rischi di essere multato dalle autorità locali. Lo stesso vale per i segni. Il segno di una boutique è importante per il suo marchio e dà il tono ai clienti prima che entrino nel negozio. Tuttavia, esistono in genere leggi locali che regolano quanto può essere appeso il segno di un'azienda, quale materiale può essere realizzato e quanto può essere grande. Il padrone di casa che affitta il tuo spazio dovrebbe essere in grado di farti sapere di eventuali restrizioni sulla segnaletica e se hai bisogno di un permesso dalla città.

Raccomandato

Fare soldi volantini per la spedizione
2019
Come realizzare un opuscolo in InDesign
2019
Boutique Branding Ideas
2019